ALLUMINIO A CONTATTO CON GLI ALIMENTI

L’ Istituto Italiano Imballaggio da diversi anni, in collaborazione con una serie di autorevoli  partner, quali enti, consorzi e aziende del settore packaging italiano, fra i quali anche CiAl in rappresentanza del comparto alluminio, porta avanti studi e analisi approfondite in tema di sicurezza e tecnologia per il food packaging.

In particolare, il PROGETTO CAST (Contatto Alimenti, Sicurezza, Tecnologia) realizzato in accordo con l’ Istituto Superiore di Sanità fornisce le linee guida a disposizione delle aziende, strutturate in una parte di applicazione generale e una di applicazione specifica, distinta per le filiere dei materiali, per fornire un modello di approccio al tema che sia specifico per le peculiarità dei diversi materiali, ma in un’ottica generale condivisa.

Seguendo il link riportato di seguito, è possibile collegarsi all’Istituto Superiore di Sanità e scaricare le linee guida, nelle due edizioni finora redatte, per il riscontro documentale sull’applicazione del Regolamento (CE) n. 2023/2006 sulle buone pratiche di fabbricazione nella filiera di produzione dei materiali e oggetti destinati a venire in contatto con gli alimenti.

Le linee guida presentano schede pratiche commentate per il riscontro documentale, distinte per le filiere dei materiali e oggetti in alluminio, carta e cartone, imballaggi flessibili, materie plastiche, legno, metalli e leghe rivestite e non rivestite, sughero  e vetro.

 

Linee guida per il riscontro documentale sull’applicazione del Regolamento (CE) n. 2023/2006