LA RACCOLTA DIFFERENZIATA E’ ATTIVA NEL 97% DEI COMUNI ITALIANI

Nel 2016 la raccolta differenziata dei rifiuti ha riguardato il 97,7% dei Comuni italiani (7.813) e il 99,5% della popolazione (60.314.369), con un aumento in quest’ultimo caso del 2% rispetto al 2015. E’ quanto emerge dal VII Rapporto sulla banca dati Anci-Conai (rispettivamente l’Associazione dei Comuni italiani e il Consorzio nazionale imballaggi).

Il Nord si conferma la macro area con le più elevate performance di raccolta, con il 54% di tutta quella conferita ai Consorzi di Filiera del Sistema Conai: Corepla per la plastica, Comieco per carta e cartone, Coreve per il vetro, Rilegno per il legno, Ricrea per l’acciaio e CIAL per l’alluminio.

Anche il Centro e il Sud, con una resa media pro capite tra gli 86 e i 77 chili per abitante all’anno, fanno registrare dati confortanti. Nelle isole maggiori si registra il contributo minore alle raccolte conferite (6,2% del totale) e la resa media pro capite più bassa (50 chili per abitante all’anno.

Il rapporto conferma la capillarità dell’accordo Anci-Conai, basato su convenzioni per la raccolta e l’avvio a riciclo dei rifiuti di imballaggio.

Il 51% dei Comuni italiani ha almeno cinque convenzioni con i diversi Consorzi. I Comuni stipulano soprattutto convenzioni per il riciclo della plastica (consorzio Corepla) e del vetro (consorzio CoReVe), con rispettivamente il 99% e 91% della popolazione nazionale coinvolta.

Il Consorzio CIAL, per l’alluminio, si attesta al 65%.

Per quanto riguarda la gestione dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee), nel 2016 sono state ritirate nei punti di raccolta 283.075 tonnellate (-0,4% rispetto al 2015), mentre per la raccolta le regioni del Nord-Ovest intercettano il 30% del totale nazionale (la Lombardia, da sola, quasi il 19%).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *