SAN VALENTINO: L’AMORE SCEGLIE L’ALLUMINIO

San Valentino rappresenta la festa dell’anno in cui tutti dichiarano il proprio amore alle persone care e in questo giorno il cioccolato rimane ancora il dono preferito dagli italiani per dimostrare tutto il loro affetto.

Modellabile, altamente protettivo, facile da scartare ed anche da richiudere per la conservazione, il foglio d’alluminio è l’imballaggio perfetto per il cioccolato, scelto dalle case produttrici anche perché permette di personalizzare il prodotto con fantasia e, perché no, anche romanticismo.

Tutti conosciamo i cioccolatini venduti nel foglio d’alluminio. I più comprati in assoluto nel giorno di San Valentino.
Non soltanto i famosi Baci, ma anche gianduiotti, cremini, praline e bonbon.
Un’esplosione di bontà racchiusa in un involucro perfetto anche perché, fra tutti, il più eco.
Il foglio in alluminio, infatti, come ogni imballaggio e altro contenitore in alluminio, può essere differenziato in casa e conferito nella raccolta differenziata dei metalli, perché riciclabile al 100% e infinite volte.

Ma non solo.
Il valore ecologico di questo materiale è anche spiegato dall’attenzione che le aziende produttrici del foglio mettono nella realizzazione, applicando quelli che vengono identificati come “criteri di prevenzione”. Prevenzione vuol dire riduzione della quantità (prevenzione quantitativa) e aumento della eco-compatibilità (prevenzione qualitativa), sia delle materie e delle sostanze utilizzate, sia degli imballaggi e rifiuti di imballaggio, in particolare attraverso lo sviluppo di prodotti e di tecnologie non inquinanti

Basti pensare che negli ultimi 15 anni lo spessore medio del foglio di alluminio utilizzato per il cioccolato è stato ridotto del 30% . 
Ciò ha comportato un enorme risparmio di energia e materia, ed anche una considerevole riduzione a monte del rifiuto prodotto. 

Guarda il video post 2014 del famoso Bacio: 

[youtube src=”vvd31I49fkc”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *